Screen Shot 2016-03-23 at 16.54.21

2013 volte GRAZIE!


Eravamo 2013 lo scorso weekend a Codemotion Roma!

 

Davvero un appuntamento imperdibile per appassionati di tecnologia, innovatori e per la prima volta anche giornalisti: seguito in diretta nazionale su Radio 1, ripreso da decine di testate e blog, Codemotion è stato uno dei fenomeni più commentati anche sui social, con una tweet reach di 25 milioni da tutta Europa e Stati Uniti.

Il network internazionale di developers fondato da Chiara Russo e Mara Marzocchi, già presente con i suoi eventi a Milano, Roma, Berlino Madrid e Tel Aviv, inaugura a partire da aprile i nuovi appuntamenti di Dubai, Dublino e Amsterdam. La community che oggi conta oltre 40.000 programmatori nell’area EMEA dominerà la scena tech internazionale con un presenza sempre più capillare, introducendo nuove conferenze e programmi di continuous learning nelle principali fucine di innovazione in Europa e Medio Oriente.

Un approccio internazionale che punta a formare una nuova generazione di developers competitivi a livello globale e che inizia già ad esercitare un forte impatto sulla scena italiana: per l’edizione di Roma 2016, Codemotion ha permesso di riunire 2000 sviluppatori, decine di big della software industry mondiale e le principali aziende di tecnologia .

“È un periodo d’oro per gli sviluppatori: mai come ora le aziende hanno avuto una tale “fame” di risorse dotate di queste competenze e il trend è in forte crescita: si calcola che entro il 2020 ci saranno circa 800mila posizioni vacanti nell’IT in Europa.”, commenta Chiara Russo, Co Founder e CEO di Codemotion,  “Codemotion sta contribuendo in modo sensibile a creare una rete sempre più estesa e competente di professionisti che potranno rispondere a questo crescente bisogno di innovazione delle imprese e il 2016 sarà un anno di grande sviluppo per il nostro network”.

L’incontro è da anni un immancabile appuntamento per formare programmatori da tutte Europa e anche quest’anno si sono riuniti personaggi del calibro di Linda Rising, una delle colonne della metodologia Agile, o Rebecca Parsons, CTO del colosso del software design ThoughtWorks. Tra i temi approfonditi, con un approccio rigorosamente hands-on, Front-End, DevOps (Docker, Kubernetes, Vagrant), Bigdata: Nosql, Elasticsearch, Spark; Microservices, GameDev, Mobile, Security, Nosql, IOT, Java, PHP, TDD. Grande spazio è stato dedicato naturalmente anche a Javascript e alle tecnologie più interessanti in questo ambito, come come React.js, e Node.js.

Non poteva infine mancare un focus sul gaming indipendente, un mercato che, a livello globale, vale circa 10 miliardi di dollari (fonte Eurispes). Durante l’incontro sono stati presentati 10 progetti di GameDev scelti tra i migliori provenienti da una call pubblica. Gridd Retrohenanced, il progetto più interessante è stato selezionato da una giuria di esperti e avrà l’opportunità di esporre presso la Casual Connect a Singapore, uno dei più importanti eventi internazionali del settore. Nell’ambito dello showcase sono stati inoltre presentati giochi come Red Rope di Yonder nato nella Global Game Jam di Roma 2015, che uscirà presto sul mercato, Impact VR, un multiplayer sportivo in realtà virtuale per Oculus and GearVR e Mousegician, sviluppato per Mobile, che ha lanciato la sua nuova release proprio durante l’evento.

E ora alle porte Dubai e Amsterdam… Stay tuned!